Non hai articoli nel carrello.

Subtotale: 0,00 €

Storia della costruzione delle mosche artificiali

Storia della costruzione delle mosche artificiali

Nel 200 DC abbiamo la prova che i macedoni utilizzavano mosche artificiali ed usavano la lana tinta per il corpo della mosca e le piume di gallo per le ali.

Qualche migliaio di anni più tardi abbiamo la testimonianza della pratica di legare lana e piume su un amo: è in un libro stampato nel 1486 a St Albans, Inghilterra, che si pensa per essere stato scritto da una priora di nome Juliana Berners. Juliana ha scritto di falconeria, caccia e pesca, e il libro include una sezione intitolata la Treatyse con un angolo dedicato alle mosche (anche se questa sezione potrebbe essere stato aggiunto alla fine del 15 secolo). Il trattato comprendeva la descrizione delle diverse mosche artificiali per l'utilizzo in diverse stagioni: anche in questo caso, i materiali erano in gran parte lana e piume di diversi uccelli.

Queste mosche erano tutte diverse in termini di insetti specifici. Durante questo periodo, gli ami erano realizzati in ferro. Tuttavia, la loro affidabilità non era buona e ci sono voluti secoli, fino al 17 ° secolo (e l'avvento della forgia), per produrre ami con più durezza e robustezza. La rivoluzione industriale ha reso più conveniente per i pescatori l’acquisto, grazie alla produzione di massa.

Tra i 17° e 19° secolo, ci sono stati molti progressi nei materiali: nel 17 ° secolo, un aristocratico di nome Charles Cotton ha pubblicato una raccolta di mosche con un elevato livello di dettaglio che imitava mosche reali.

Charles Cotton,(1630-1687), aggiunse una sezione sulla pesca a mosca per la quinta edizione del lavoro di Isaak Walton The Compleat Angler: egli ha studiò in grande dettaglio le mosche naturali nel suo ambiente e si è adoperato per farne copie artificiali.

Dobbiamo arrivare a metà ottocento quando Alfred Ronalds, che era sia un pescatore e un artista, riprese il libro di Walton è continuò il suo lavoro quando pubblicò il libro “The Fly-Fisher’s Entomology” (1836).

La maggior parte degli storici della pesca a mosca sono unanimi nel dire le che idee di Ronalds siano state innovative, tant’è che ancora oggi sono seguite nella realizzazione delle mosche artificiali.

La vera forza del libro di Ronalds è il Capitolo IV (Of a Selection of Insects, and Their Imitations, Used in Fly Fishing): qui, per la prima volta, l'autore ha discusso di specifiche imitazioni mosca artificiale per nome, associati al corrispondente insetto naturale e organizzate secondo il mese nel quale l’insetto compare.

Ronalds è stato il primo autore a iniziare la standardizzazione dei nomi delle mosche artificiali. Prima di ciò ai pescatori erano stati dati suggerimenti per artificiali da essere utilizzati su un particolare fiume o in un particolare momento dell'anno, ma tali suggerimenti non sono mai stati abbinati agli insetti naturali specifici che il pescatore potrebbe incontrare in acqua.

Questo è un esempio:

No. 28. Verde Drake. Questa mosca, proviene da un ninfa di acqua, vive tre o quattro giorni, come mostrato; vedi tavola per la femmina Gray Drake (No. 29.), e per il maschio al Drake nero (vedi p. 89.). Il Drake verde ha una stagione di vita stagione di tre settimane in media. La sua stagione dipende molto dallo stato del clima; e si troverà in precedenza sulle parti del fiume a corrente lenta (come dighe, mulino) e poi sui luoghi rapidi.”

Imitazione di Green Drake e Gray Drake

“Corpo: la parte centrale è di pallido paglierino filo di seta, coste con argento torsione. Le estremità sono di Herl del pavone marrone, legato con filo di seta marrone chiaro. Coda. Tre baffi di coniglio.”

Metodo di costruzione illustrato da Ronalds

Ciò ha permesso a molti altri pescatori di riprodurre dettagliate mosche convincenti.

Fino alla fine del 19 ° secolo, tutte le mosche erano legate a mano utilizzando materiale naturale che si trova in aria (piume di uccelli) o nel cespuglio (fibre vegetali) piuttosto che la lana delle pecore. Le mosche erano semplici e consistevano di filo di seta o lana, doppiato con un qualunque pelo di animali pelosi e acconciato con selvaggina, come la pernice, fagiano di monte, anatra o il pollo domestico.

L'arte moderna di costruire le mosche si può dire aver avuto il via con questo libro; va ricordato che in questo periodo le code in uso erano fatte di crine di cavallo e le mosche sono utilizzate sopra o in prossimità della superficie. Non c'era differenza tra mosche sommerse e secche come c’è ora.

Fino a questo momento, le mosche erano legate interamente a mano. Poi, nel 1880, si è iniziato ad usare i morsetti da costruzione: ciò ha reso le tecniche complesse di legatura molto più facile.

Uno dei primi riferimenti all'uso di un legare una mosca su un morsetto mosca è a James Ogden nel suo libro Fly Tying (Londra, 1887).

Morsetto di James Ogden - (Londra 1887)

All'inizio del 20 ° secolo, i pescatori hanno cominciato a rendersi conto che il pesce si interessava anche allo stadio larvale della mosca sotto l'acqua, aprendo un intero nuovo regno delle possibilità di costruzione per le mosche.

Siamo nel 1910, quando George Skues osò proporre l'idea che il pesce sarebbe stato felice di prendere la ninfa (larvale) dell'insetto: costruì e descrisse le tecniche di costruzione di molti modelli ninfa e in seguito divenne noto come “il padre della Ninfa”.

George Skues

Questo tipo di costruzione è stata portata avanti da Frank Sawyer, un guardiapesca di un celebre fiume inglese (l’Avon) le cui ninfe phaisant tail sono ancora presenti nelle scatole delle mosche di molti pescatori a mosca dei giorni nostri.

Le ninfe di Frank Sawyer

Da allora, l'approccio di base alla costruzione è rimasto invariato: quello che c’è di nuovo lo si può essenzialmente ricondurre a tre punti:

1)      L’utilizzo di materiale delle più varie specie.

2)      La pesca a mosca non è più associata solo con il salmone e la trota.

3)      Spesso non si costruisce per imitare l’insetto ma per attrarre il pesce e convincerlo a mangiare

Costruire mosche

Riguardo al primo punto nel ‘900 e in questo primi decenni del secolo in corso sono stati introdotti nella costruzione veramente tanti e tanti materiali che hanno rivoluzionato il modo di costruire facilitando sia la costruzione delle mosche sia la pesca.

Un esempio per tutto non assolutamente esaustivo: il cul de canard che ha permesso la creazione di una moltitudine di nuove mosche che mantengono a lungo il galleggiamento sull’acqua.

Circa il secondo punto è da evidenziare che ormai la pesca a mosca è adottata per la pesca di quasi tutte le specie di pesci sia in acqua dolce che in acqua salata: ciò ha prodotto la ricerca continua di prodotti nuove (fibre particolari, dubbing, ecc.)

Ed infine con riferimento al terzo punto ormai la fantasia del costruttore è scatenata: materiali plastici, resine epossidiche, ecc....

I modelli sono ora classificati come attrattori, imitatori, attrattori / imitatori, impressionistici, ricercatori, ecc.

Quanto strada è stata fatta dai tempi di Skues ad oggi….

Alcuni materiali moderni sul tavolo del costruttore di oggi

BRAND & CLIENTS